Luca Garramone intervistato da Adnkronos su un’ordinanza della Cassazione che stabilisce che è legittimo il licenziamento di un rappresentante sindacale che abbia rivolto pesanti offese al datore di lavoro tramite i propri profili social.

“Offese sui social al capo, anche il sindacalista può essere licenziato”

Leggi l’articolo su Adnkronos